FANDOM


Dato che mi sembra molto più comodo che ognuno inserisca la sua lista di risposte in una pagina che editare 28 pagine diverse, lascio qui la mia.

D1)Definizione del servizio taxi e di quello Uber R1)Il servizio taxi è regolamentato dalla legge del 15 Gennaio 1992 n.2, alla legge 4 Agosto 2006 n.246 e successive modifiche ed integrazioni che stabiliscono come il taxi sia un servizio che si rivolge ad un'utenza variegata, viene esercitato con un'autovettura ed ha lo scopo di soddisfare le esigenze di trasporto di singoli o gruppi con relativi bagagli. Il servizio uber, nello specifico "uber pop", è un sistema che permette a chiunque di registrarsi come autista e usare un veicolo privato per trasporate civili, senza necessità di nessuna licenza( a differenza degli altri servizi di uber ), il tutto tramite l'app di Uber stesso, che si occuperà del pagamento della corsa. D2)Il servizio taxi nel resto del mondo è regolato in maniera diversa rispetto all'Italia? (regole di massima) R2) D3)Cosa è il servizio NCC (auto con conducente)? È un autoservizo pubblico non di linea che provvede al trasporto collettivo o individuale di persone, con funzione dunque completare e/o integrativa del parallelo servizio di linea. Viene effettuato in maniera non continuativa e su itinerari ed orari prestabiliti.Richiede autorizzazione formale presso la C.C.I.A.A.(Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura). D4)Chi può diventare tassista/Uberista e a quali condizioni? R4) Per essere tassista si deve dimostrare di essere i proprietari dell'auto che si sta usando per il servizio, si deve possedere regolare licenza( assegnata previo concorso pubblico) , si deve essere italiani, o almeno di un paese dell' UE che garantisca ai cittadini italiani di prestare lo stesso servizio sul loro territorio, ovviamente con dimostrazione di padronanza della lingua italiana, si deve essere iscritti alla camera di commercio nel ruolo di conducenti, non avere licenza taxi in un altro comune, non avere precedenti penali in delitti non colposi con detenzione superiore ai due anni. Per diventare Uberista pop è molto più semplice, basta : avere la fedina penale immacolata, la patente di guida da almeno 3 anni, non aver mai avuto sospensioni di patente, un'auto intestata e immatricolata non più di 8 anni fa di dimensioni medie o grandi  (con almeno 4 posti e in ottime condizioni), la copertura assicurativa per i passeggeri. D5)A quali condizioni si può rimanere tassisti/Uberisti? R5)La revoca della licenza taxi avviene in casi abbastanza estremi: alla quarta inosservanza dell'obbligo di prestazione, alla seconda se si riferisce ad una persona disabile, nel caso di trasferimento illecito della licenza, quando il servizio non inizia entro i termini stabiliti dopo l'assegnazione della licenza( durata variabile di comune in comune ma di circa 40 giorni), per esplicita rinuncia. Si perde la possibilità di essere un uberista nel momento in cui viene a mancare uno dei criteri necessari alla validità di esserlo. D6)Quali sono i vincoli sull'autovettura nei due casi? R6)Le autovetture taxi devono poter trasportare i supporti necessari all'utenza disabile, devono essere muniti di marmitta catalitica, di contachilometri generale e parziale, devono essere riconoscibili e di colore bianco(almeno in italia), ovviamente devono avere il tassametro a vista del passeggero. Un auto Uber deve essere abbastanza grande, avere assicurazione per i terzi trasportati: il servizio è più legato al profilo dell'autista. D7)Chi paga benzina, manutenzione, assicurazione nei due casi? R7)Un tassista ha svariate agevolazioni, ma la manutenzione dell'auto, la benzina, il sistema radio taxi, assicurazione, bolla, imposta comunale, tasse e imposte sul reddito, contributi previdenziali, insegna luminosa e adesivi sono tutte a suo carico. Un uberista provvedere da solo a tutti i contributi da pagare, che sono di meno considerato che mancano tutti le imposte che subisce un taxi. D8)In caso di danni a terzi, chi paga nei due casi? R8)In entrambi i casi sia uberista che tassista sono obbligati a possedere un'assicurazione per il trasporto di terzi legata all'autoveicolo usato e nel caso del taxi anche alla licenza. D9)Se un cliente è insoddisfatto, a chi può rivolgersi nei due casi? R9)Nel caso dei taxi è possibile compilare uno specifico modulo, fruibile anche on-line, per reclamare qualsiasi tipo di inservizio si sia notato. Uber  offre un centro assistenza on-line per segnalare anche disservizi. D10)Un tassista si può rifiutare di portare qualcuno? Se sì, a quali condizioni? R10)Può rifiutarsi di portare qualcuno in zone difficili da raggiungere, con poco spazio di manovra, ad utenti in stato psicofisico alterato, o non in condizione di essere caricato, ed anche nel caso in cui sia insolvente. D11)Un uberista su può rifiutare di portare qualcuno? Se sì, a quali condizioni? R11)Uberista non è soggetto a nessuna regolamentazione specifica: è di suo punto che decide di essere autista e può dunque scegliere chi e cosa trasportare. Da quello che sono riuscito a raccogliere l'aspetto legale si incentra sull'autista soltanto. D12)Un tassista quali dati personali conosce delle persone che trasporta? R12)Nessuno, il servizio taxi si prenota previo chiamata ad un centralino che smista ai taxi più vicini tale chiamata. D13)Nel caso di Uber quali dati personali sono noti all'uberista? E a Uber? R13)Uber funziona tramite un'applicazione on-line: il passeggero si collega ad internet, all'app e cerca un'autista in zona o lo contatta: potenzialmente Uber conosce così moltissimi dati della persona(e quindi di tutte le persone: ormai avrà un incredbile database di informazioni) ed analogamente può risalirsci il conducente. D14)Quali tasse vengono pagate - e dove - nel caso taxi? E nel caso Uber? R14)Esistono 2 informazioni importanti per le tasse che deve pagare un tassista: -1 La vendita delle licenze: lo stato percepisce il 23% sulla differenza tra l’acquisto e la vendita della propria licenza. -2 Tasse sull’attività: il tassista paga le tasse secondo gli studi di settore; se lavora molto può arrivare a pagare tra il 20% e il 40% dell’incasso. Nel caso di uber, la multinazionale paga le imposte solo nello stato di residenza( Olanda ndr ). D15)Nel caso taxi, chi stabilisce le specifiche regole (e tariffe) in vigore in una specifica città? R15)È una legislazione comunale, con linee guida stabilite da regolamento regionale. D16)Se i taxi di una determinata città volessero adottare regole innovative (per esempio, abbonamenti per studenti, corse a tariffe speciali in occasioni di eventi o in certe zone della città, ecc.) potrebbero farlo? Se sì, come? R16)Le tariffe sono decise dagli enti locali, dunque dovrebbe essere un'iniziativa che parte dai piani alti. D17)Se un tassista si ammala, che tutele ha? E in caso di maternità? R17)Un tassista ammalato riceve un indennizzo dall'Inail di circa 40 euro a settimana di malattia. Non esiste comunque nessuna tutela di malattia, ferie, permessi, maternità. D18)Se un Uberista si ammala, che tutele ha? E in caso di maternità? R18)Un uberista che si ammala o una uberista in maternità smettono di rispondere alle "chiamate" perchè impossibilitati Uber non garantisce nessuna tutela. D19)A quali condizioni un tassista può perdere la licenza (ovvero, il diritto di lavorare)? R19) Vai a R5. D20)A quali condizioni un uberista può essere rimosso dalla piattaforma Uber? (ovvero, il diritto di lavorare tramite Uber) R20) Vai a R5. D21)Quali sono i diritti sindacali dei tassisti? e quelli degli uberisti? R21)Non esiste il sindacato degli uberisti, e personalmente non lo definirei neanche un lavoro, anche perchè è presentato come un "aiuto al miglioramente della società" e formalmente gli uberisti ricevono soltano un "rimborso spese"( 80% del corrispettivo pagato dal passeggero). Per i tassisti esiste in Italia UriTaxi che protegge la categoria "tassisti"  con le usuali norme di qualsiasi altro lavoratore italiano. Nasce nel Luglio 2006 con l'approvazione delle legge Bersani per la liberalizzazione delle licenze taxi. D22)Nel caso di Uber esistono meccanismi che garantiscano che Uber non discrimini determinate categorie di autisti (rifiutando, per esempio, autisti albanesi o girando meno lavoro a, per esempio, donne o ad autisti di colore)? R21)A nessuno che abbia tutti i requisiti in regola per diventare uberista è negata la licenza. Discorso diverso però è la stabilità del ruolo : poichè molti controlli sono fatti attraverso le recensioni degli utenti, nel caso di utenza xenofobica ci si potrebbe trovare di fronte ad una preclusione della licenza a particolari etnie, ma ciò non c'entra nulla con Uber. D23)Nel caso dei tassisti, come funziona lo smistamento delle chiamate? Come è assicurata l'equità, in modo che ognuno riceva la sua parte? R23)Esiste un centralino, penso ancora oggi "umano" anche se ho letto di un software provato a Milano, che smista le chiamate ai taxi in zona del cliente. Ovviamente esiste un ordine, ad esempio: se nella stessa zona della chiamata vi sono due taxi, ha la precendenza il taxi che si è libero da più tempo. Cosa che avviene anche alle stazioni taxi: spesso ci si rivolge a quello non "in cima alla lista" e viene indicato il tassista che ha la precedenza, ma questo ultimo aspetto credo dipenda molto dall'onestà e non c'entra molto con la domanda. D24)Dal punto di vista dell'utente, quali vantaggi/svantaggi da Taxi vs Uber? R24)Ovviamente, senza girarci intorno, i servizi sono identici: probabilmente la concorrenza non risiede nel prezzo minore, Uber costa di più ma sta funzionando più dei taxi,ma nell'impossibilità di rapportare la qualità, paramentro fortemente soggettivo, e soprattutto nella diversità del servizio: Uber piace perchè offre qualcosa di "nuovo" agli occhi dell'utenza D25)Come funziona la valutazione degli autisti Uber da parte degli utenti? Che conseguenze può avere? R25)La valutazione avviene tramite dei feedback sull'app, e la valutazione incide molto sul profilo dell'autista( vedi R21 ) e può portare addirittura alla sospensione della "licenza" in caso di forte incidenza di valutazioni negative. D26)Qual è la percentuale che si prende Uber? R26)20 % del corrispettivo pagato per il trasporto. D27)Nel caso dei taxi, il tassista ha dei costi per l'appartenenza, per esempio, a una rete radiotaxi come 5730? R27)Vai a R7. D28)Altri costi fissi a parte l'auto? R28)Vai a R7.

Giovambattista Gallo