FANDOM


[DOMANDA 9]

TAXI

Nel caso in cui un cliente sia insoddisfatto del servizio offerto o abbia delle richieste da fare può recarsi direttamente sul sito della società, o cooperativa, di taxi a cui si è rivolto. Su tale sito può cercare la risposta al suo problema nella sezione "Assistenza" o "F.A.Q.", oppure nella pagina "Contatti" in cui può inviare una mail con la sua richiesta. Tra i contatti vengono anche segnati l'indirizzo ed il recapito telefonico.

Le società a cui rivolgersi sono molteplici, in quanto ogni città italiana ne possiede una o più. Il cliente dovrà contattare quella da lui utilizzata, perché non esiste una società unica che racchiude tutte la altre.

Come esempio prendiamo due società torinesi di taxi:

In più essendo il servizio taxi un "trasporto pubblico", per eventuali reclami o richieste ci si può recare nell'ufficio competente nel comune in cui tale servizio taxi lavora.

UBER

Nel caso in cui un cliente sia insoddisfatto del servizio offerto o abbia richieste da fare può recarsi sul sito della società. Alla pagina help.uber.com troverà alcuni argomenti e domande con le relative risposte, sia per il lato "cliente" che per il lato "partner". Se si accede con le proprie credenziali si può ricevere assistenza sul proprio account o sulle corse.

Nel caso in cui il problema non rientri tra gli argomenti trattati si può mandare una mail all'indirizzo: support@uber.com.

La differenza con i servizi taxi è che sul sito di Uber non sono riportati recapiti fisici o telefonici a cui potersi rivolgere.

Nel caso in cui il cliente sia stato insoddisfatto, non sempre Uber interviene prontamente. Sul sito "The Atlantic" è stata infatti raccontata l 'esperienza di un gruppo di amiche che hanno subito discriminazioni razziali da parte del conducente. La sera stessa hanno sporto denuncia ad Uber senza ricevere immediatamente l attenzione sperata, cosi solamente portando avanti il caso e raggiungendo i vertici dell'azienda sono riuscite a farsi rimborsare il servizio e in piu ad ottenere la cancellazione del conducente dalla piattaforma .

Qui il link dove è presente l' articolo sul caso citato :

http://www.theatlantic.com/technology/archive/2015/04/he-said-she-said-how-uber-relied-on-data-in-an-assault-dispute/389811/


Con Uber quando si scarica l'app si sottoscrive un contratto e si prende coscienza che: Uber non è un fornitore di servizi di trasporto né una compagnia di trasporti. L'offerta dei servizi di trasporto dipende interamente dal Fornitore di Servizi di Trasporto; è possibile richiedere tali servizi utilizzando l'Applicazione e/o il Servizio. Uber opera esclusivamente in qualità di intermediario tra l'utente e il Fornitore di Servizi di Trasporto. La fornitura di servizi di trasporto all'utente da parte del Fornitore di Servizi di Trasporto sarà quindi soggetta alle disposizioni stabilite nel contratto sottoscritto (o da sottoscrivere) tra l'utente e il Fornitore di Servizi di Trasporto. Uber non entrerà mai nel contratto come parte agente e attiva. [Fonte]